Valentina Durante – Copy & Story | Cose scritte - Valentina Durante
Storyteller, copywriter e web writer freelance. Scopri come una storia può “riscaldare” il posizionamento e rendere il tuo brand più umano e credibile.
18388
blog,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 
  • All
  • di letteratura
  • di pubblicità
  • di varia umanità
Eliza Bennett

terzo anniversario

  Oggi per me è un anniversario importante, credo. Il 1° giugno 2014 ho iniziato a scrivere. Narrativa, intendo, perché le altre cose – testi pubblicitari, testi argomentativi, articoli di giornale, comunicati...

Read More
Letture

leggere

  Io più che leggere, rileggo. Se un libro lo leggo una sola volta, vuol dire che non ne ho bisogno: non in quel momento, almeno. Dei libri di cui sento di avere...

Read More
Cielo

fotografare (2)

  Domenica, sul Montello. Ho alzato gli occhi, ho alzato il telefono, ho scattato questo pezzo di cielo. Non è una gran fotografia: l’inquadratura è poco ragionata – avevo il sole negli...

Read More
Mario Giacomelli

fotografare (1)

  Ogni giorno, Facebook mi propone dei ricordi da condividere: si tratta di brevi testi scritti da me (come questo), oppure di lavori fatti da altri. Nel sessanta settanta percento dei...

Read More
Posidonia

posidonia

  La volta che ho trovato un quadrifoglio avevo dieci anni. L’ho raccolto e messo fra le pagine di un libro, ma senza attenzione, perché seccasse. Mesi dopo ho provato a cercarlo: ma non ricordavo più...

Read More
chiesa

tempo

  A volte mi sento di aver fatto cattivo uso del tempo fin qui e mi dico di dover fare buon uso del tempo da qui in avanti. E un po’ mi dispiace pensando al tempo...

Read More
Cieli Celesti

Cieli celesti

  Così come Porta e Rulfo, la poesia di Claudio Damiani mi ha accompagnata in questi due mesi di scritture. Ho iniziato (non ancora finito) l’ultima raccolta – “Cieli Celesti”, Fazi...

Read More
Foglie

albero

  Che farne della mia adultità se non so dell’albero, che quieto sa di essere albero e spinge le dita fin dove riesce e dove non riesce non sono più dita ma immaginazioni di dita su...

Read More
Cornici

foto di famiglia

  – Chi sono? – È la mia famiglia. – Lei non c’è. – È una vecchia foto: la laurea di mio padre. – Quando? – Nel 1968. Lui è quello al centro, con gli occhiali...

Read More
Azzurro

azzurro

  La strada che percorro al mattino, quando ho desiderio di luce, a una certa ora, è una strada che è mezzo campagna e mezzo no che è mezzo diritta e mezzo no. Fiancheggia vigneti...

Read More
Ferroni

stanotte

  Stanotte non riuscivo a dormire. Sono scesa in cucina (erano circa le due), ho scostato una sedia dal tavolo, mi sono seduta e ho fatto quello che faccio ogni giorno,...

Read More
Deborah Sheedy

ombre

  Oggi una persona è tornata: da un posto tutto bianco e pulito, con tante urla e gente che sta male e non starà mai meglio. Era la terza volta. O...

Read More
neve nera

neve nera

  E adesso credo che pulirò il frigo. Che tirerò fuori tutte le cose che ci sono dentro e le appoggerò sul tavolo, a mucchietti, un mucchietto per ogni scomparto. Che...

Read More
Capodanno

capodanno

  «Andiamo di là? Ci stanno aspettando.» «No, prima…» Paolo si tirò su, facendo leva sui palmi. Adesso stava seduto con la schiena contro il cuscino, il cuscino contro la testiera del letto....

Read More
Paolo Vallorz

babbonatale

  C’è che al freddo e al buio presto non riesco ad abituarmi. Stamattina avevo, sull’indice destro, una vena tutta gonfia e blu. Dev’essere stato quando ho aperto le imposte, cercando...

Read More
arance

arance

  Che bello quando la signora Arcimboldi (così la chiamavo) allineava le cassette nel negozietto di frutta e verdura: mele pere sacchi di noci tante arance dietro piazza Dall’Armi, dove oggi c’è una banca importante. Sulle vetrate appendeva peperoncini...

Read More
Sasnal

stagno

  Di quando spaccammo lo stagno gelato, con quel grosso sasso: un’incisione, un buco di perfezione rotonda. L’aria s’allargò sotto la crosta: corse verso la riva e il canneto, sembrava una bolla di mercurio di latte...

Read More
Hedda Sterne, Hands

mani

  Oggi è il compleanno di Saverio: mio figlio è nato sette anni fa, alle ore diciassette e diciotto del diciannove. Alle ore diciassette e diciotto di oggi, ho pensato che mi...

Read More
Luna

luna

  Ieri sera sono uscita dalla Coop e c’era questa luna: grossa come un’arancia, tutta tonda e così luminosa, così vicina, che quasi pareva cadermi addosso. Per un po’ sono rimasta a...

Read More
Urbex Session

ville

  Buona parte della mia infanzia, dell’adolescenza, ma anche dell’età adulta, io la ho passata in ville di nobili decaduti. Da bambina, Villa Correr Pisani, a Biadene. Mio padre era direttore...

Read More
Alberi

il Mago

  E il padre, re, disse al figlio, giovane principe: «Non esistono principesse. Non esistono isole. Non esiste Dio.» E il figlio credette, perché credeva al padre, e amava il padre....

Read More
Lettera di addio

Lettera di addio

  Lavinia cara, se tieni questa lettera fra le mani, già sai. T’avrei scritto solo alla fine: questo ci eravamo promesse. Ed eccola, la fine: io, figlia mia, sto morendo. Non piangere per...

Read More
Margaretha cover

Margaretha

  Di Margaretha Phiers non sappiamo poi molto. Quel che sappiamo, lo dobbiamo agli scritti di Jodocus Maeleachlainn, medico personale di re Eadmund III. Era nata nel 1523, nel villaggio di...

Read More