Valentina Durante – Copy & Story | Della pittura e della scrittura
Storyteller, copywriter e web writer freelance. Scopri come una storia può “riscaldare” il posizionamento e rendere il tuo brand più umano e credibile.
19361
single,single-post,postid-19361,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Della pittura e della scrittura

 

A Jing Hao va attribuita la prima enunciazione dei sei elementi essenziali della pittura di paesaggio: spirito, ritmo, concezione, scenario, arte del pennello, inchiostro. Egli sosteneva che perseguire la somiglianza formale non fosse sufficiente, e che si dovesse anche esprimere lo spirito intrinseco di un elemento naturale: «Rassomiglianza è cogliere gli aspetti fisici di un oggetto, trascurandone però lo spirito. Un’autentica rappresentazione possiede sia lo spirito che la sostanza.»
Questo significa che la scena deve essere osservata, colta e raffigurata in modo realistico, e che nel contempo deve essere operata una generalizzazione.
«I monti e i fiumi reali sono come bruma e foschia; sono diversi da stagione a stagione. In primavera le colline sono luminose e seducenti come se sorridessero; in estate sono verdi ed umide come se gocciolassero; in autunno sono chiare e splendenti, come vestite a festa; d’inverno sono deserte e silenziose come se dormissero. Il dipinto ne suggerisce l’idea generale, ma non deve delinearne con precisione i dettagli.»
Un approccio che si può definire “realismo immaginativo”: colgo l’idea generale della scena; la utilizzo come guscio per ciò che intendo esprimere; la raffiguro in un modo che è apparentemente realistico ma che in realtà è fortemente simbolico. Solo così si produce il chi guarda (in chi legge?) una sensazione: «Contemplando il dipinto (leggendo il testo), ci si sente come se si fosse realmente sulle montagne. Questo è ciò che si intende con: significato al di là della scena raffigurata.»
Un esempio: tema poetico: «La bottega del vino all’ombra del bambù accanto a un ponte.» La maggior parte dei pittori raffigurarono una bottega del vino affollata. Il maestro invece dipinse soltanto l’insegna con l’ideogramma “vino” davanti al boschetto di bambù, per significare che la bottega vi stava dentro.

 

Wang Hui: Autumn Landscape in the Method of Fan Kuan

Wang Hui: Autumn Landscape in the Method of Fan Kuan

Tags:

No Comments

Leave a Comment