Valentina Durante – Copy & Story | La felicità
Storyteller, copywriter e web writer freelance. Scopri come una storia può “riscaldare” il posizionamento e rendere il tuo brand più umano e credibile.
19956
single,single-post,postid-19956,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

La felicità

 

Ieri sera, Coop di Montebelluna, reparto frutta e verdura. Una mamma cinese spinge il passeggino con il bimbo sopra. Il bimbo avrà otto, dieci mesi. Sta tutto imbragato nelle bretelle (è un passeggino blu: molto voluminoso, molto complicato). Tiene in mano una mela. Rossa rossa, una mela da cartone animato. Porta la mela alla bocca, spalanca la bocca a più non posso, una bocca tutta gengive e ancora niente denti. Cerca di ciucciare, di mordere con le gengive qualcosa della mela. Non ci riesce, gli viene un movimento da pesciolino muto. Pa pa pa un boccheggiare muto. La mamma tiene in mano un sacchetto, con altre mele dello stesso tipo. Si avvicina e prende la mela del bimbo. Il bimbo fa un’espressione corrugata, accartocciata, preparandosi al pianto. Stringe e rilascia i pugni, allunga le mani verso la mela, sta proprio per piangere. Io penso: la mamma gliel’ha presa per via dello sporco o dei pesticidi o perché non si può (consumare i prodotti nel punto vendita eccetera). La mamma ha fatto bene. La mamma ha fatto quel che avrei fatto (forse) io. Io penso: adesso il bimbo frignerà un poco e poi si calmerà. Con la smorfia corrugata è bellissimo. Tutti i bimbi, specie a quell’età – attorno all’anno: l’età dei putti, degli amorini – sono bellissimi, ma i bambini orientali hanno qualcosa che. Quel bimbo porta i capelli nero inchiostro tutti tagliati a spazzola, come un velluto sulla testa. La mamma mette la mela nel sacchetto e la pesa assieme alle altre. Poi la riprende dal sacchetto, la lustra alla bell’e meglio sulla maglietta, e la ridà al bimbo. Il bimbo ci affonda subito le gengive. Cerca un punto dove la mela sia cedevole e affonda. S’ingarbuglia con il picciolo e tenta. Si sposta con la bocca e ritenta dal fondo. La mela sembra ancora più rossa: io la guardo, guardo il bimbo, la scena: incantata. Sembra che in quel momento, al mondo, per quel bimbo, non ci sia che una cosa: la sua mela. Non esiste spazio, non esiste tempo, non esiste mamma: solo la mela. La mamma mi guarda guardare, ci sorridiamo. In mano, stringo un sacchetto pieno di zucchine, che alla fine mi scorderò di pesare. Alla fine, comprerò anch’io un sacchetto di quelle mele rossissime. Non lo avrei mai fatto: non è ancora stagione di mele e quelle verranno dal Cile o dal Sudafrica, come minimo. Rossissime: chissà cosa ci mettono. La cera, per lucidarle. I pesticidi, per difenderle dall’attacco degli insetti. Ma alla fine ho comprato, anch’io, un sacchetto di quelle mele rossissime. Stamattina ne ho mangiata una: e sì, non sapeva proprio di niente. Ma è stata la felicità.

Tags:

No Comments

Leave a Comment