Valentina Durante – Copy & Story | Strategic planner freelance - Valentina Durante
Lo strategic planning è la carta d’identità di ogni buona comunicazione. Qual è il mio posizionamento? Chi è il mio target? Qual è il mio tono di voce?
17198
page,page-id-17198,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Strategic planning

Ti presentano qualcuno.

La prima volta che lo incontri è in giacca e cravatta. Ha appena terminato una riunione e una telefonata fatta con uno smartphone molto complicato. Parlate. E lui dice frasi come: “Abbiamo implementato la mission perché incarni più efficacemente la vision e ci aiuti a essere performanti per arrivare al break even nella deadline stabilita”.

La seconda volta lo incroci per strada: si muove in maniera dinoccolata, sembra alticcio. In testa ha un groviglio di treccine, raccolte malamente da una fascia arancione. Parlate. E lui dice frasi come:  “Vieni? sì, dài, ci devi venire assolutamente. È un corso di chakra, ti mettono in circolo l’energia vitale, l’energia della mente, l’energia del corpo, tutta l’energia vitale che si sprigiona dalle funzioni del corpo e della mente”.

La terza volta è seduto al tavolino di un bar, curvo sulla tastiera di un tablet. Ha i capelli corti, porta i jeans e una t-shirt nera con la scritta Think Geek. Ti lancia un’occhiata incrostata dal sonno. Parlate. E lui dice frasi come: “Java ServerSocket non mi accetta connessioni remote. Forse dipende dalla configurazione del router”.

Ti viene da ridere? Eppure questo è ciò che capita a molte aziende quando si lanciano in un’attività di comunicazione senza una solida pianificazione strategica. I canali sono tanti e i messaggi vengono affidati a una miriade di fornitori diversi: chi si occupa di web, chi di social media, chi di comunicazione above e below, chi di ufficio stampa, chi di eventi… Strattonato di qua e di là, il povero brand è in preda a una crisi di identità: chi sono? cosa sto dicendo? chi potrà mai fidarsi di me?

Lo strategic planning è la carta d’identità di ogni buona comunicazione.

Qual è il mio posizionamento? Chi è il mio target? Qual è il mio tono di voce? Che si tratti di video, radio, stampa o social media devo essere sempre coerente con me stesso. “Nessun nome. Nessun ricordo oggi del nome di ieri; del nome d’oggi, domani”. Vitangelo Moscarda è un toccante, profondo personaggio letterario. Ma da non prendere assolutamente come modello quando parliamo di marketing.

Cosa posso fare per te?

 

Di strategic planning mi occupo contestualmente al mio lavoro di copywriting e storytelling. Però, ammettilo: affidare i tuoi testi a un copy che anni maneggia con disinvoltura analisi della brand equity, analisi dei competitor, mappe percettive, analisi SWOT, definizione del target e del posizionamento è una bella tranquillità, vero?

Serve qualche esempio? Meglio di no. La caratteristica principale delle analisi strategiche è quella di essere, per l’appunto, strategiche, dunque non pubblicabili. Posso però dirti che ho lavorato, tra gli altri, per Aku, Arper, Bonaventura Maschio, Cofiloc, Comte de Montaigne, Dalì, Davos, Essequattro, Interchem Italia, Italianset, Latteria Montello, Lazzaris, Manfrotto, Red Rock, Replay & Sons, Rossi d’Asiago, San Benedetto, Stonefly, Veredus.

 

Puoi dare un’occhiata alla sezione “Strategic planning” del mio portfolio, per alyri contenuti.